Questa è una piccola casa,entrando sentirai odore di rosa,thè e cioccolata.Sarai avvolta da colori tenui e delicati.Ogni oggetto avrà una storia da raccontare,qualche poesia ti cullerà...........e questo è un invito a farti sognar.......
i miei cari lettori:ogni finestrina che si apre è un nuovo sorriso che nasce

Lettori fissi

ME

La casa è la mia passione!Amo le tazze inglesi,i pizzi e i merletti,il rosa e le rose.Amo arredare in romantico,adoro lo shabby-chic, il vintage.Sono felice con le piccole cose,amo i colori dell'autunno,le atmosfere dell'inverno e del natale.Adoro la pioggia che batte sui vetri,i tramonti sul mare e sui tetti delle case,le foto dei miei figli bambini!Mi piace sognare!
PREGO! ACCOMODATEVI!

Prego!Accomodatevi!

Prego!Accomodatevi!

potete sedervi a tavola!

potete sedervi a tavola!

sabato, luglio 22, 2017

L'ANGOLO DEI RICORDI (Racconti, emozioni e nostalgie)

LA SIGNORA GINA

Fine anni sessanta!Eravamo da poco tornati ad abitare in via Garibaldi.
Al secondo piano di una palazzina abitata da famiglie del nord e del sud.
Al primo piano abitava la signora Gina, lei era siciliana ma aveva abitato a Tunisi.
A me piaceva molto passare i pomeriggi nella sua bella casa!Lei amava poco uscire!
Quando varcavi la soglia della sua casa, ti trovavi davanti una bella signora con i boccoli biondi, quasi sempre vestita di bianco, sempre curata con smalto e rossetto rosso.
Nella sua casa, profumo di spezie e tabacco, dal terrazzo arriva il profumo di basilico e mentuccia. Tutto si amalgamava con il canto di quei pennuti canarini!Quanti ne aveva!
Era suo marito Pasquale che se ne prendeva cura ogni giorno!I signor Pasquale, era un uomo, alto e robusto e amava la sua cara Gina come se fosse il primo giorno!
Mi incantavo a vedere quei pavimenti tirati a lucido e quei cuscini alla francese sul letto!
Ogni sabato, lei diceva:"Oggi facciamo il sabato"Facciamo il sabato significa fare le grandi pulizie! Lavava il pavimento con il sapone di marsiglia. Poi sciacquava e risciacquava, passava la cera e poi il panno di lana!Vicino alla porta aveva le pattine.
Io mi incantavo quando entravo nel bagno e vedevo sulla lavatrice coperta da un centrino tutti i prodotti per l'igiene personale:scatole di latta e di cartone con le rose e le violette, barattoli con il talco, cestini con i bigodini e spazzole e la mantellina per pettinarsi.
La signora Gina portava ai piedi delle ciabattine che adoravo!Ne aveva due paia, un paio rosa e un paio celeste!Così belline con  il tulle davanti!Penso che allora è cominciato il mio amore per il rosa ed il celeste. La sua cucina, aveva i pensili laccati bianchi e il tavolo rosso con le gambe d'acciaio.
Quando cucinava la pasta, la ripassava in padella e la mangiavano accompagnata dal pane
Il suo piccolo terrazzo sempre fiorito e pieno di erbe aromatiche!Così piccolo ma a me sembrava un giardino e sognavo con la melodia dei canarini!D'estate arrivava suo fratello dalla Germania, un signore allegro!Quello era il periodo che lei usciva!La mia famiglia aveva stretto amicizia con la Signora Gina ed il signor Pasquale e le sere d'estate si passavano insieme in giro per le feste di quartiere. Quando sono arrivata all'età dell'adolescenza  e cominciavano le prime feste in casa con ragazze e ragazzi, lei mi insegnava ballare!A lei confidavo le mie cose.Poi la mia famiglia ha cambiato casa, sempre la stessa città.Ma io avevo nel cuore via Garibaldi!E fino a quando mi sono sposata andavo a trovare sempre la Signora Gina.Poi anche lei ha cambiato casa e ci siamo perse di vista!Una ventina di anni fa  ero all'ospedale a fare i turni a mia suocera, quando  vedo nel corridoio una signora bionda che si reggeva al braccio di un uomo anziano forte e robusto. Faceva fatica a camminare ma era sempre una bella signora con lo smalto ed il rossetto rosso. L'avevano ricoverata accanto alla camera di mia suocera, era malata.Io l'andavo a trovare, lei si ricordava di me.Non era più l'allegra signora, il dolore la faceva parlare poco.Dopo qualche mese è volata in cielo e appresso a lei a breve tempo anche il signor Pasquale!Non poteva continuare a vivere senza la sua cara Gina!
Spesso mi vengono in mente questi ricordi!
Ogni persona che incontriamo nella vita ci lascia un' impronta, qualcosa che resta nel nostro cuore!
Ed è per questo che ci piace più questo o quello!Noi non ci facciamo caso!Quello che da bambini ci ha colpito, è qualcosa che qualcuno inconsciamente ci ha trasmesso!Cari Signora Gina e signor Pasquale, oggi mi siete venuti in mente, vi mando un bacione! So che siete insieme in un bel prato pieno di fiori, basilico e mentuccia e tanti gialli canarini vi fanno girotondo intorno con la musica del loro canto!
Rosetta, la ragazzina del piano di sopra!


THE ROMANTIC ROSE

8 commenti:

Monica Rita ha detto...

Che splendidi ricordi Rosetta,sicuramente la signora Gina ed il signor Pasquale te ne sono grati...
Un abbraccio,Monica.

lisa verrastro ha detto...

Ogni persona ci lascia un ricordo ..Un Po di se..Grazie per aver condiviso i tuoi dolcissimi ricordi.
Baci
Lisu

Alessandra ha detto...

Che bei ricordi...ho respirato i profumi di erbe aromatiche, di profumo di pulito...mi hai fatto vivere i tuoi dolci ricordi.
Bacioni Alessandra

domenica.60 ha detto...

Quando si ricorda con la forza del cuore , quanta dolcezza !
Franca

Anna ha detto...

Leggevo e non ero qui...ero immersa totalmente nel tuo racconto..sentivo profumi e uccellini cantare..
Dolci ricordi cara amica,quanti ne abbiamo..la signora Gina e il signor Pasquale staranno certamente sorridendo con tenerezza♥
Un abbraccio..forte forte!
Anna

ziapolly ha detto...

Bellissimo leggere questa dolce pagina di ricordi della tua vita. Mi hai fatto tornare in mente qualcosa di simile, un'amica di mia madre che abitava il terrazzo sopra, di lato, al nostro. Questi ricordi cara amica, sanno di bello, di buono, di profumo di vita "pulita" come, purtroppo, non lo è più ora. Sono sicura che Gina e Pasquale ora sono insieme, uniti per l'eternità, e vivono in un luogo pieno di pace ed armonia, avvolti dal profumo di fiori che noi non possiamo immaginare. Un bacione a te. Paola

Mariette VandenMunckhof-Vedder ha detto...

Cara Rosetta,
La tua racconta mi ha trasmetto en una era romantica!
Hai davvero conosciute due persone molto romantiche e triste che lei era così debole alla fine. Ma anche grande che ben presto sono stati riuniti per sempre.
Abbiamo tutti i modelli di ruolo appassionato...
Un abbraccio forte,
Mariette

lory ha detto...

un ricordo dolcissimo che ci fai rivivere insieme a te,,,come racconti bene!!!! Un abbraccio grande Lory

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
The Romantic Rose

Pagine